Benito Ferrara

Benito Ferrara

La cantina di Benito Ferrara è oggi guidata da Gabriella Ferrara, che rappresenta ormai la quarta generazione di una famiglia che “ha fatto” l’unità d’Italia: era il 1860 quando Benito iniziò a cimentarsi con Coda di Volpe e Greco di Tufo. Quando Gabriella ha ereditato l’attività, nel 1994, la cantina possedeva solo 2,5 ettari. Negli anni si è però deciso di investire nella cantina, apportando migliorie tecnologiche e acquistando nuovi terreni. In vigna, la conduzione agricola è convenzionale, ma l’uso di sostanze di sintesi è oculato e attento, sempre ridotto al minimo indispensabile. In cantina, ogni passaggio è volto a esaltare e valorizzare le peculiarità intrinseche di varietale e terroir, per cui è difficile aggiungere di più: nascono così etichette di assoluto livello qualitativo. Partendo dal celebratissimo Greco di Tufo “Vigna Cicogna”, si arriva all’Aglianico “Quattro Confini”, passando per il Fiano di Avellino: bottiglie, quelle che recano sovraimpresso il nome di “Benito Ferrara”, complesse, compatte, energiche e vitali, eccellenti e di sicura affidabilità.

4 Prodotto/I

per pagina

Griglia  Elenco 

Imposta ordine discendente
  • Fiano di Avellino DOCG “Sequenzha” 2019 - Benito Ferrara

    14,90 €
  • Greco di Tufo DOCG Terra d'Uva 2019 - Benito Ferrara

    14,00 €
  • Greco di Tufo DOCG “Vigna Cicogna” 2019 - Benito Ferrara

    18,00 €
  • Taurasi DOCG “Vigna Quattro Confini” 2014 - Benito Ferrara

    31,50 €

4 Prodotto/I

per pagina

Griglia  Elenco 

Imposta ordine discendente